top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreEG-xiste

La Cité Internationale Universitaire de Paris

Aggiornamento: 30 set 2022

Vera torre architettonica di Babele


La Grande Guerra è finita e il suo trauma ha rafforzato gli ideali pacifisti. La crisi degli alloggi a Parigi è una realtà. In risposta a ciò, inizia a germogliare il concetto di campus universitario, con l'ambizione di offrire un'accoglienza di qualità a studenti di tutto il mondo e promuovere la miscelazione e gli scambi culturali.


I padri fondatori


Paul Appell , matematico francese, normalien, occupa un posto importante all'interno dell'università francese. Presidente dell'Associazione francese per la Società delle Nazioni, è anche l'ispiratore di questa dimensione pacifista voluta per questa città.


Emile Deutsch de la Meurthe , un industriale petrolifero, proveniva da una famiglia modesta. Ma è noto per la sua filantropia e il suo ruolo nell'aiutare la ricostruzione postbellica. È, con il fratello Henri, uno dei grandi mecenati della Terza Repubblica. Risponderà con entusiasmo alla richiesta di Paul Appell finanziando la costruzione del primo complesso residenziale della City.


Un convinto pacifista è anche André Honnorat , ministro della pubblica istruzione e delle belle arti, grande difensore dell'influenza intellettuale della Francia all'estero. Sarà presidente del campus universitario dal 1925 al 1948.

 

La nascita


Iniziano lunghe trattative per trovare il finanziamento e il terreno favorevole per la costruzione.


Viene scelto un terreno di 27 ettari, situato vicino al Parc Montsouris, a sud di Parigi. Il capoluogo infatti ha gli spazi necessari per la realizzazione di un simile progetto, con il recinto di Thiers , i suoi bastioni e le caserme che circondano la capitale dal 1845 e che in molti avrebbero voluto vedere scomparire.


Nel 1921 fu firmato un accordo che autorizzava la creazione del campus universitario, destinato a diventare l'epicentro di una giovane intellighenzia internazionale.


Quindi iniziò lo sviluppo di questa città giardino sotto la guida del capo architetto Lucien Bechmann , il paesaggista Jean Claude Nicolas Forestier , poi Léon Azéma .

Vi ritroviamo i principi urbanistici dei campus americani dell'epoca, un parco suddiviso in spazi distinti, un grande prato centrale e impianti sportivi alla periferia del luogo.


Nel 1923 fu posata la prima pietra della città. Nella primavera del 1925 emerse dal suolo la " Fondation Emile Deutsch de la Meurthe ".


Padiglione centrale della Fondazione e il suo campanile

L'aumento


Rispondendo all'appello dei soci fondatori, molti governi stranieri a loro volta vengono coinvolti nella costruzione delle loro residenze.


Così dal 1927 più della metà del dominio è stato attrezzato, è apparso subito necessario pensare ad un ampliamento del dominio per rispondere favorevolmente alle richieste straniere che continuano ad arrivare (Spagna, Italia, Brasile, Grecia, Stati Uniti, ecc.).


La città raggiunse il suo massimo sviluppo, con più di 40 ettari dopo tre espansioni successive.




Sonno e nuovo slancio


La città rimase poi inattiva durante la seconda guerra mondiale e le difficoltà finanziarie ed economiche che ne seguirono, prima di riprendere un nuovo boom all'inizio degli anni '50.

Viene amputato di parte del suo dominio con la creazione della tangenziale.

Un nuovo impulso è in atto dall'inizio degli anni 2000, con progetti di riabilitazione o costruzione all'interno del suo dominio o fuori le mura.

 

E ora esploriamo i padiglioni, le fondamenta e le case del campus universitario, attraverso le mie scelte soggettive.

 

Fondazione Deutsch de la Meurthe

Lucien Bechmann - 1925


Onore al primo set costruito e completato nel 1925, in uno stile regionalista pittoresco e medievale molto ispirato alle città giardino e ai college britannici come Oxford.





L'insieme è costituito da sette padiglioni posizionati attorno a un cortile con giardino e l'edificio principale è dominato da un campanile. Materiali utilizzati, pietra e mattoni, ardesia sul tetto.


Complessivamente tetti a due falde e torrette d'angolo, bifore e bow window


Gli edifici sono collegati tra loro da pergolati coperti.






 

La Fondazione Biermans-Lapôtre

Armand Guéritte - 1927


Una delle case più antiche e imponenti della città, fu costruita sotto la direzione del capo architetto del governo francese, Armand Guéritte .

È grazie al sostegno finanziario dell'imprenditore Jean-Hubert Biermans e di sua moglie Berthe Lapôtre che questo risultato è stato realizzato con l'obiettivo di accogliere studenti belgi e lussemburghesi. Ecco quindi un classico edificio monumentale che qua e là richiama la tradizione fiamminga con le sue torrette angolari ei suoi semplici frontoni curvi.



 

Casa dell'Istituto Nazionale di Agronomia

René Patouillard-Demoriane - 1928


Questa casa è stata costruita sotto la direzione dell'architetto René Patouillard-Demoriane , noto per essere uno degli attori nella ricostruzione delle regioni devastate durante la Grande Guerra e di molti edifici amministrativi. È la prima scuola per studenti di ingegneria nel campus universitario. Nel 2007 è diventata la Maison Internationale AgroParisTech.

La sobria ed elegante facciata Art Déco


 

Casa degli studenti armeni

Léon Nafylian - 1930


Dobbiamo questa casa al filantropo Boghos Nubar Pasha , molto impegnato nell'aiutare le vittime e i sopravvissuti al genocidio armeno durante la Grande Guerra. Attaccato alla ricostruzione di un'élite armena decimata, divenne il principale mecenate della Casa e si rivolse all'architetto Léon Nafylian per la sua realizzazione. La casa è anche chiamata Fondation Marie Nubar .

C'è un'architettura di ispirazione medievale con i suoi archi a doppia colonna, i suoi fregi con fogliame e i suoi motivi vegetali e animali.



 

Casa dello studente del sud-est asiatico

Pierre Martin e Maurice Vieu - 1930


Nel 1930, questa casa chiamata Maison de l'Indochine , voleva essere una sintesi tra le luci della metropoli e la tradizione annamese, in un contesto di spirito paternalistico ai tempi della Francia coloniale. È stata ribattezzata nel 1972, Casa dello studente del sud-est asiatico.

Il successo degli architetti è stato quello di saper coniugare l'evidente richiesta di ispirazione asiatica per l'architettura di questa casa e il rispetto delle condizioni di comfort offerte agli studenti.

Gli edifici del sud-est asiatico dell'epoca erano spesso costruzioni basse, spesso in legno e costituite semplicemente da un piano terra. Qui, l'edificio si riferisce più ai college occidentali nelle linee e nella massa, ma l'arredamento qua e là evoca l'atmosfera indocinese.

L'ispirazione vietnamita può essere vista ovunque sulla facciata. Grandi tetti a sbalzo con angoli che si innalzano come un becco a forma di colomba, ghirlande e amaretti in arenaria smaltata che corrono lungo la facciata sono simboli di longevità e felicità. Il bassorilievo dai colori vivaci e il drago in mosaico sono ispirati alla Pagoda Huang-Lung.



 

Fondazione ellenica

Nicolas Zahos - 1932


Nicolas Politis , avvocato e diplomatico greco, ambasciatore di Grecia in Francia, è il promotore di questa fondazione che è stata finanziata dalla sottoscrizione pan-ellenica in Grecia e più in particolare dai circoli francofili.

Questo risultato è opera dell'architetto Nicolas Zahos, si ispira all'architettura dell'antica Grecia con il suo portico monumentale e le sue quattro colonne ioniche che evocano l'Acropoli.

L'intera facciata è decorata con lesene e fregi decorativi nello spirito del periodo Art Déco.



 

Cuba Casa

Albert Laprade - 1933


Il giurista Pierre Sanchez Abreu , sebbene nato a Neuilly-sur-Seine, la sua famiglia di origine cubana appartiene al ricco ambiente dell'industria dello zucchero. Finanzierà con sua sorella la costruzione di questa casa cubana meglio conosciuta come Fondazione Abreu de Grancher , dal nome di sua zia e di suo marito, stretto collaboratore di Louis Pasteur.


La realizzazione fu affidata all'architetto degli edifici civili e dei palazzi nazionali dell'epoca, Albert Laprade , noto per la realizzazione del Palais de la Porte Dorée.


Qui scopriamo un edificio in stile coloniale spagnolo, ispirato alla Cattedrale dell'Avana.


 

Fondazione Svizzera

Le Corbusier - 1933


È sotto l'impulso del matematico svizzero Rudolf Fueter che la Fondazione Svizzera deve la sua costruzione. Questo eminente scienziato si rivolge ovviamente a uno dei maestri del movimento moderno, Charles-Edouard Jeanneret associato a suo cugino Pierre.

Questo padiglione è il primo risultato moderno della Cité Universitaire e uno dei più significativi degli anni tra le due guerre.

Troviamo quindi l'applicazione dei suoi principi fondamentali della nuova architettura: palificazioni, struttura indipendente, pianta libera e facciata e giardini pensili.

La casa è sospesa, lontana da terra, il giardino scivola sotto casa.

Edificio con struttura in metallo sorretto da 6 pilastri in cemento armato che scendono per oltre 19 metri di profondità.

Doppia fila di palificazioni che liberano il piano terra. I pali sono arretrati rispetto alle facciate. Portano una lastra di cemento su cui poggia la struttura metallica dei 3 piani delle abitazioni. Questi sono tutti rivolti a sud.

Pianta e facciata libera, non dipendono più da muri portanti.

Finestre banner.

Il cemento armato rivoluziona l'architettura delle aperture: l'assenza di un muro portante permette di disegnare grandi listelli finestrati che corrono lungo la facciata.

Questo risultato può essere considerato come il prototipo di abitazioni a forma di barra.

Elencato come monumento storico dal 1986..


 

Casa delle Province di Francia

Armand Guéritte - 1933


In origine questo progetto si chiamava Maison de l'Alsace , lo dobbiamo a Murry Guggenheim , figlio dell'industriale Meyer Guggenheim , filantropi di padre in figlio - Solomon Guggenheim iniziatore della fondazione di Arte Moderna e Contemporanea. Il nome di questa casa, legato alla donazione di un anonimo alsaziano, cambierà destinazione e nome per diventare la Casa delle province di Francia, luogo di accoglienza degli studenti - "alcuni dei migliori tra i migliori dei figli di ciascuna delle regioni francesi ". Le autorità locali in Francia parteciperanno al finanziamento del progetto.

Questa imponente costruzione in mattoni è costruita a forma di U. Domina la parte occidentale della città e l'edificio ha un imponente ingresso incorniciato da due archi. La facciata è decorata con i 36 scudi delle province francesi.


 

Franco-British College

Pierre Martin e Maurice Vieu - 1937


Testimonianza dell'amicizia franco-britannica dopo la Grande Guerra, questo edificio è stato finanziato dallo Stato francese e dalla coppia franco-britannica Edward e Helen Nathan.

Costruiti nel più puro stile classico inglese prebellico, gli edifici combinano sobrietà ed eleganza. La sua facciata in mattoni rossi, le sue torrette e bovindi contribuiscono a rendere l'insieme meno massiccio.


 

Il Dutch College

Willem Marinus Dudok - 1928-1938


Uno degli edifici più belli del campus universitario, questo importante lavoro è l'unico risultato in Francia dell'architetto olandese Willem Marinus Dudok , un vero portabandiera dell'architettura d'avanguardia in stile internazionale degli anni '30.

La sua costruzione sarà resa possibile grazie alla donazione del mecenate Abraham Preyer, collezionista e mercante d'arte, in ricordo del figlio morto durante la Grande Guerra.

Tutto qui ruota attorno al formalismo geometrico con volumi e spazi ad incastro, un vero gioco di masse senza decoro esterno. Notiamo in questa realizzazione una certa influenza del lavoro di Frank Lloyd Wright e del movimento Stijl.

Somiglianza con una delle sue altre realizzazioni, il municipio di Hilversum , la stessa composizione asimmetrica di blocchi, la presenza di un campanile e inferriate.

L'edificio è costituito da quattro ali principali. L'edificio è destinato ad essere funzionale, è illuminato da una moltitudine di campate orizzontali e da ampie finestre a fasce.

Elencato come monumento storico dal 2005.


 

Fondazione Lucien Paye

Jean Vernon, Bruno Philippe e Albert Laprade - 1951


Ex bandiera della Francia d'Oltremare, la residenza cambiò nome in seguito all'indipendenza dei paesi africani, per diventare Fondazione Lucien Paye , accademico, diplomatico poi ministro dell'istruzione nazionale, svolse un ruolo apartitico trascurabile nella creazione delle università africane.

L'edificio ha uno stile classico nello spirito di Auguste Perret con ornamenti di ispirazione decisamente africana.

Dobbiamo i pilastri scolpiti dell'ingresso a Pierre Meauzé , i bassorilievi della facciata ad Anna Quinquaud . Sono ovviamente di un'altra epoca e segnano una certa visione dell'Africa, quella degli anni Cinquanta, profondamente al passo con il presente.


 

La casa del Messico

Jorge L. e Roberto E. Medellin - 1953


Molto ispirato al movimento moderno, questo edificio è composto da due barre parallele collegate tra loro da un'ala di dimensioni intermedie di forma libera, dedicata agli ambienti collettivi.

Il set è completato da un patio con giardino.

Un bassorilievo in pietra di ispirazione Maya decora una delle facciate. Si riferisce alla scoperta di dipinti Maya nel sito archeologico di Bonampak.



 

Casa Brasiliana

Le Corbusier e Lucio Costa - 1957


Su richiesta del governo brasiliano, il progetto del bozzetto è stato affidato all'architetto brasiliano Lucio Costa , ma quest'ultimo ha affidato a Le Corbusier la realizzazione e la direzione dei lavori. Ma Le Corbusier apportò importanti modifiche al progetto di base e la sua collaborazione con Lucio Costa divenne tesa e conflittuale, portando al ritiro dell'architetto brasiliano.

Tuttavia, questo risultato è riconosciuto da tutti come un'importante opera di architettura moderna.

Il padiglione è costruito in cemento e ha tre edifici principali. Un blocco longitudinale su cinque livelli che poggia su una piattaforma sostenuta da sei grandi pilastri, un blocco trapezoidale su un unico livello ed infine un'ala con tetto inclinato.

E ovviamente le caratteristiche dell'architettura del maestro del movimento moderno sono ovunque presenti: bar residenziale, pavimento su pilastri, pannelli di vetro, policromia ...

Facciata est, l'alloggio del regista si trova nell'edificio con il tetto spiovente.


Policromia della piattaforma. Il linguaggio del colore.


Qualcuno direbbe che questa Casa Brasiliana sia solo un bar residenziale ultra brutalista, senza contare la policromia delle logge, frutto di una collaborazione con l'amico Fernand Léger , e le vetrate dell'atrio di quel cemento cangiante.




Le Corbusier considerava il colore come un elemento di equilibrio per ingrandire il bianco e far "fremere" la pelle del suo amato cemento.

I suoi colori preferiti sono quelli dei Modernisti , De Stijl e altri, prima di questo periodo negli anni '30, usava colori più tenui, visibili oggi nelle sue ville puriste come Maison La Roche a Parigi per esempio.

Ma a differenza del movimento olandese, il colore qui non viene utilizzato per evitare confusione tra pareti equivalenti, ma piuttosto per rivelare il carattere di ciascuna parete.

Diversi percorsi attorno ad un piano terra con un'organizzazione complessa, la maggior parte dei quali è dedicata ad aree comuni, uffici, sale riunioni, biblioteca.

Le due ali sono collegate sotto l'edificio da un passaggio curvilineo che funge internamente da spazio intermedio, e all'esterno da confine per gli archi esterni.

Affreschi scolpiti nella sala del padiglione.

Facciata ovest

Facciata est sull'avenue Pierre de Coubertin

La Maison du Brésil è il testimone perfetto di un'architettura in totale controllo, una vera lezione di unità sulla base dell'assemblaggio di elementi per quanto disparati.

Elencato come monumento storico dal 1985.


 

La casa della Cambogia

Alfred Audoul - 1957

Inaugurato nel 1957 dopo l'indipendenza, è stato costruito con il finanziamento del governo reale del paese nel 1950. La casa è stata chiusa e abbandonata nel 1973 a seguito di violenti scontri tra residenti durante la guerra civile in Cambogia.

Riabilitato all'inizio degli anni 2000, ha riaperto nel 2003.

Questo edificio dalla classica architettura a forma di U, è adornato con elementi decorativi elementi Khmer ispirati al tempio di Angkor Wat.


 

La casa dell'India

JM Benjamin, HR Laroya e Gaston Leclaire - 1968

Siamo ora nell'era degli anni Sessanta e questo risultato non è privo di interesse. La sobrietà e il rigore di questo bar sono ravvivati ​​da una facciata colorata, ocra per i pannelli e verde per i balconi. La simmetria di quest'ultimo sconvolge deliberatamente quella del tutto.


 

Ma anche…


Casa dello studente danese

Kaj Gottlob - 1932

Neoclassicismo nordico con questa realizzazione sobria e rigorosa dell'architetto danese Kaj Gottlob . Questa fondazione deve la sua esistenza grazie ad una forte partecipazione finanziaria dello Stato danese e al coinvolgimento dell'industriale danese Benny Dessau , presidente dei birrifici Tuborg.



 

Collegio di Spagna

Modesto López Otero - 1935

Interamente finanziato dallo Stato spagnolo, il sito di questa costruzione è affidato all'architetto Modesto López Otero che ha costruito la Città Universitaria di Madrid. Questo edificio è ispirato al Palazzo del Duca d'Alba a Salamanca, il Palazzo Monterrey.

Nel piccolo giardino che lo circonda è una copia del busto della Signora di Elche , l'originale che è conservato al Museo del Prado è in pietra calcarea e risale al IV secolo a.C. Scoperto nel 1897, è ancora oggi il più famoso e importante frammento archeologico della cultura iberica.

 

Casa Italia

Piero Portaluppi - 1958


Un'evocazione delle vecchie case italiane in questa casa in Italia. Sullo sfondo della sobrietà dell'edificio si depositano qua e là diversi riferimenti antichi. Il portico d'ingresso è del XV secolo, le finestre gemelle del XIV secolo. Elegante loggia ad archi.

 

Fondazione Avicenna

Claude Parent, André Bloc, Moshen Foroughi e Heydar Ghiai -1969 (ex Casa dell'Iran)


Corre lungo la tangenziale parigina e rimane accessibile solo su un lato del campus universitario. In un luogo angusto, questo edificio è una rottura completa con gli altri. Si compone di due enormi cassoni residenziali di quattro piani ciascuno, sorretti da tre monumentali portici in acciaio alti oltre 38 metri. Chiuso da diversi anni, è in fase di riabilitazione per una possibile riapertura nel 2021.


 

Korea House

Ga.a architects e Canale 3-2018

La Casa della Corea è la prima casa di campagna costruita dal 1969 nella città.

La sua costruzione fu affidata a un gruppo di architetti franco-coreani.

Qui nessuna scelta di pittoresca facciata dell'architettura tradizionale coreana, ma un risultato contemporaneo.



 

Siamo giunti alla fine di questa panoramica parziale dell'architettura delle Case e delle Fondazioni della Cité Internationale Universitaire de Paris .


Riunisce architetture molto eclettiche, regionalisti, stili tradizionali - con più o meno ispirazione - ma alcune realizzazioni iconiche che hanno segnato l'architettura contemporanea. Penso in particolare al Collegio Olandese , alla Fondazione Svizzera , alla Casa del Brasile , del Messico e alla Fondazione Avicenna.

I concetti architettonici di questi edifici sono ancora oggi giudiziosi, alterati semplicemente da aggiornamenti tecnici imposti dagli standard odierni.

La presenza di spazi verdi consente inoltre di isolare un po 'gli edifici l'uno dall'altro ed evitare così l'impressione di un'esposizione universale.

Dopo un lungo periodo in cui la costruzione di nuove case era ferma, la Cité Universitaire se ne andò con un nuovo dinamismo. Infatti, dopo un primo lavoro di restauro sugli edifici esistenti, mira ad accogliere 10 nuove case entro il 2025. Una Fondazione dalla Cina segnerà presto l'arrivo di un secondo Paese dal 1969, dopo quello della Corea del Sud .

Spero di incontrarvi per una seconda puntata dedicata agli interni quando la situazione lo permetterà.

Grazie.

 

Saperne di più...


La Fondation Émile et Louise Deutsch de la Meurthe (2010) - Brigitte BLANC

Parcours du patrimoine no354.


Grandes villes et systèmes de parcs (1908) - Jean Claude Nicolas Forestier.

Editions NORMA.


Cité internationale de Paris Architectures Paysagées (La) (2010) - Sylviane Tarsot-Gillery

Editions Oeil d'Or.


La Cité Internationale Universitaire de Paris 1920-1951 (2011) - Marie-Astrid Pourchet

Editions universitaires européennes


La nouvelle vie du Collège Néerlandais (2016) - Kahina Meziant

Journal IDEAT.


Willem Marinus Dudok, A Dutch Modernist (1996) - Donal Langmead

Editions Greenwood


Le Corbusier-Pavillon suisse (2004) - Ivan Zaknic

Editions Birkhauser


Alberto Sartoris ou la quatrième dimension de l'architecture (2014) - Patrick Moser

Catalogue de l'exposition dans la villa "Le Lac" (Corseaux Suisse)


Réhabiliter les édifices métalliques emblématiques du XXe siècle (2008) - Jean-François de Canchy

Editions L'Oeil d'or





13 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
Pubblicazioni
bottom of page